Pagine dai Monti

Search

Per la rubrica Pagine dai Monti:

OTTOBRE 2022 – K2 Una storia finita. Relazione di Fosco Maraini, Alberto Monticone, Luigi Zanzi sulla spedizione italiana al K2 del 1954. A cura di Luigi Zanzi

Una lettura piuttosto tecnica, consigliata agli appassionati di storia dell’alpinismo. Il Club Alpino Italiano con questo rapporto mise la parola fine al dibattito durato 50 anni su quanto accaduto nel corso della spedizione italiana del 1954, che portò alla prima salita del K2.
In particolare, l’episodio più drammatico fu la notte all’addiaccio a 8100 metri di quota che Walter Bonatti e il portatore Mahdi dovettero trascorrere perché il campo non era stato piazzato da Compagnoni e Lacedelli dove pattuito. I tre saggi ricostruiscono la verità storico-critica dell’intera salita e in particolare di questo grave evento, rettificando e riscrivendo in più punti fondamentali la Versione Ufficiale.

Una curiosità: dal libro scopriamo l’origine del nome K2. Il colonnello del Survey of India T.G. Montgomery, designò le più alte cime del Karakorum con una sigla composta dalla lettera K, che indica appunto la catena del Karakorum. A sua volta Karakorum è un termine tibetano che significa ghiaia (korum) nera (kara).

 


**Vi ricordiamo che il prestito dei libri presenti in sezione è accessibile a tutti i soci in regola con il tesseramento, presentandosi in sede i giovedì non festivi negli orari di apertura (20.30-22.00).**

Per la rubrica Pagine dai Monti:

AGOSTO 2022 - ...E se la vita continua di Cesare Maestri

Il "Ragno delle Dolomiti" racconta la propria vita partendo dall’infanzia, regalandoci così un avvincente spaccato della storia italiana del periodo compreso tra la Seconda Guerra Mondiale e l’immediato dopoguerra. Le difficoltà, le privazioni e le prevaricazioni vissute in gioventù forgeranno il suo carattere e quindi il suo modo di affrontare le montagne quando si dedicherà completamente all’alpinismo.

Per la rubrica Pagine dai Monti:

MAGGIO 2022 – La via meno battuta di Matteo Della Bordella

El que cree crea (colui che crede crea) è un antico proverbio maya che cita Della Bordella nel libro e che ben sembra adattarsi alla sua carriera alpinistica: l'idea di una nuova linea di scalata che si insinua nella mente e la caparbia per trasformare questo sogno in realtà sono chiaramente descritti nero su bianco in queste pagine.

Per la rubrica Pagine dai Monti:

SETTEMBRE 2022 – Una passeggiata nei boschi di Bill Bryson

Due uomini americani di mezza età intraprendono l’Appalachian Trail, un trekking che attraversa gli Stati Uniti orientali da Nord a Sud.

Per la rubrica Pagine dai Monti:

APRILE 2022 – La metafora dell’alpinismo di Enrico Camanni

La brevità della lettura di questa perla pubblicata dalla piccola casa editrice La Liaison di Courmayeur è inversamente proporzionale alla quantità di domande e riflessioni che innesca.

Per la rubrica Pagine dai Monti:

LUGLIO 2022 – Quattro passi sul Monte Rosa di Mario Bassino

I protagonisti di questi brevi racconti, narrati in maniera formale e con linguaggio spesso ironico, sono l'autore Mario Bassino e la guida alpina gressonara Arturo Squinobal.

Per la rubrica Pagine dai Monti:

MARZO 2022 - Wanda Rutkiewicz - La signora degli Ottomila di Gertrude Reinisch

Nel giorno in cui si festeggiano le donne vi proponiamo la biografia di questa grande alpinista polacca, che tra gli anni 70 e 90 del secolo scorso scalò ben 8 cime superiori agli 8000 metri, divenendo così la più forte himalaysta della sua epoca.

Per la rubrica Pagine dai Monti:

GIUGNO 2022 – Alpinismo di Giulio Brocherel

Grazioso nel suo formato mignon, ci troviamo tra le mani una copia anastatica del manualetto originale pubblicato nel 1898 dallo studioso valdostano Giulio Brocherel.
È una lettura ricercata, nella quale ci si confronta con un linguaggio arcaico, peraltro sempre comprensibilissimo, che a tratti farà sicuramente sorridere il lettore odierno.

Per la rubrica Pagine dai Monti:

FEBBRAIO 2022 – Nuovi Mattini - Il singolare sessantotto degli alpinisti di Enrico Camanni